L’UOMO DEL VIDEO “LA VERITA’ SU RIACE” E’ UN “UOMO DEI CLAN” ARRESTATO NEL 2011

RiaceCircola in rete un video in cui un “cittadino” di Riace, Pietro Domenico Zucco, smentisce la bontà dell’operato del sindaco Mimmo Lucano elencando tutta una serie “fatti” di cui sarebbe a conoscenza. Pietro Domenico Zucco però è un volto noto alle forze dell’ordine, da cui è stato arrestato il 16 Luglio 2011 perché vicino al clan Ruga-Metastasio, con l’accusa di essere un prestanome della ‘Ndrangheta.

L’accusa si è poi trasformata in condanna da parte della Corte di Cassazione nel 2015.

Quest’uomo è il protagonista di un video da oltre 300mila visualizzazioni sui social, in cui critica il sindaco di Riace, Domenico Lucano, agli arresti domiciliari dal 2 ottobre 2018.

A postare il video, e a rendere famoso quel volto, è stato l’entourage del vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini, che su Facebook ha scritto: “Se avete 2 minuti sentite cosa diceva questo cittadino di Riace parlando del sindaco”.

Il video si intitola “Sui profughi il sindaco mente, vi spiego perché” e a parlare è, appunto, Domenico Zucco.

Riace

Come denunciato anche dal giornalista Giulio Cavalli sul proprio account Facebook, Pietro Domenico Zucco è noto alle cronache per essere stato arrestato nel 2011 con l’accusa di essere un prestanome della ‘Ndrangheta per il clan Ruga-Metastasio. E poi condannato nel 2015 dalla Cassazione.

La cava di Stilo, in provincia di Reggio Calabria, di cui era rappresentante legale, secondo la Guardia di Finanza sarebbe infatti di proprietà di Vincenzo Simonetti, considerato uno degli uomini di punta del clan, in quell’occasione arrestato insieme a lui.

Nel video postato da Salvini, Zucco si lamenta di Mimmo Lucano, lo accusa di sperperare le risorse del Comune per i migranti e di aver abbandonato le famiglie di Riace. (Fonte TPI NEWS)

Nel suo tweet il ministro dell’Interno Matteo Salvini invita ad ascoltare le parole di questo “cittadino di Riace”, cittadino però che è stato arrestato e condannato per collusione con la NDRANGHETA.

Precedente BUFALA Sesso in cambio della cittadinanza: la FALSA intercettazione sul sindaco di Riace Successivo LA BUFALA DI " 1 MARCO = 1 EURO ". FALSO, 1 EURO VALEVA QUASI IL DOPPIO.