Crea sito

“SALVINI SU PALCO CON GRETA BIMBA DI BIBBIANO”, MA LA BIMBA E’ DI COMO.

“SALVINI A PONTIDA CHIUDE COMIZIO CON GRETA, BIMBA DI BIBBIANO”, ma la bambina è di Como e non c’entra nulla con l’inchiesta “Angeli e Demoni”.

E’ grande polemica in queste ore per il gesto dell’ex ministro dell’interno Matteo Salvini che a conclusione del suo comizio al raduno di Pontida ha fatto salire sul palco una serie di bambini, tra cui Greta una “bimba di Bibbiano” “restituita alla mamma dopo un anno”.

Lo stesso Salvini twitta tramite il suo profilo ufficiale queste parole:

#Salvini: MAI PIÙ BAMBINI RUBATI ALLE LORO FAMIGLIE. Tra i bambini sul palco c’è Greta, una bimba restituita alla mamma dopo un anno. #BIBBIANO

#PONTIDA #PONTIDA19

Anche l’account twitter della Lega – Salvini Premier scrive riguardo alla bambina sul palco:

PONTIDA: SALVINI CONCLUDE IL COMIZIO SUL PALCO CON GRETA, BIMBA DI BIBBIANO “MAI PIÙ BIMBI RUBATI ALLE MAMME E AI PAPÀ, MAI PIÙ BIMBI COME MERCE”

Ma a quanto pare la piccola Greta non ha nulla a che vedere con i fatti di Bibbiano, non è di Bibbiano (è di Como) e non fu affidata ai servizi sociali coinvolti nell’inchiesta “Angeli e Demoni”.

A dichiararlo è stata la stessa madre della bambina, Sara De Ceglia a Selvaggia Lucarelli, la quale si era dimostra da subito contraria al gesto dell’ex ministro.

A quanto pare, secondo quanto riportato da questo articolo de IL POST,  la donna sarebbe stata avvicinata da esponenti della Lega che le hanno chiesto se avesse voluto salire sul palco di Pontida.


Sempre tramite twitter la Lucarelli conferma quanto rivelatole dalla mamma di greta, scrivendo:

Confermo tutto perché ho parlato con la madre. La bambina di Pontida non c’entra nulla con Bibbiano. Vive in Lombardia e le case famiglia a cui fu affidata erano a Varese e Como. Salvini ha strumentalizzato Bibbiano e i bambini in modo indegno.

Al contrario, non solo la piccola Greta non c’entra con Bibbiano, ma come riportato dal quotidiano La Provincia di Como in questo articolo la responsabilità della sua sottrazione alla mamma fu tra l’altro di un’amministrazione leghista.

La signora De Ceglia ha poi in qualche modo provato a “correggere” le sue dichiarazioni tramite il suo profilo facebook abbinato al nick name Sara Jay dove scrive:

nessuno ha mai sostenuto noi fossimo di Bibbiano e per come ben ricordo nemmeno Salvini ha accostato noi a Bibbiano.

Eppure come ben chiaro dalla ricostruzione fatta fin ora, questo accostamento è stato fatto eccome.