CLIKBAIT – FACEBOOK AMMETTE: “FAKE NEWS MESSE IN GIRO ANCHE DAI GOVERNI”

FACEBOOK AMMETTE: “FAKE NEWS MESSE IN GIRO ANCHE DAI GOVERNI”, è il titolo in stile clickbait di questo articolo di LEGGO che però non corrisponde al suo contenuto:

FACEBOOK AMMETTE: “FAKE NEWS MESSE IN GIRO ANCHE DAI GOVERNI”

Tentativi di propaganda e manipolazione dell’informazione, apparentemente orchestrati da governi o soggetti organizzati, sfruttando le ‘fake news’ ma anche profili falsi che puntano a influenzare l’opinione pubblica. È l’allarme lanciato da Facebook in un rapporto che per la prima volta fa questa ammissione. All’indomani delle polemiche sulla circolazione delle false notizie su Facebook durante la campagna elettorale Usa, Mark Zuckerberg definì l’idea «folle». Durante le ultime elezioni Usa, si legge, account falsi sono stati creati per diffondere informazioni rubate da e-mail anche se il volume di queste attività è stato «statisticamente molto piccole». L’allarme lanciato da Facebook è contenuto in un rapporto in cui spiega cosa sta facendo il suo team per contrastare questo complesso fenomeno che definisce «operazioni di informazione». Riguardo le presidenziali americane, viene specificato che il volume di queste attività è stato «statisticamente molto piccolo rispetto al coinvolgimento generale nei confronti di questioni politiche». La piattaforma, comunque, ha già intrapreso azioni di contrasto e non solo negli Usa. In Francia – dove sono in corso le presidenziali – il team di Facebook ha già rimosso oltre 30 mila account falsi. La notizia arriva nel giorno in cui il social pubblica anche il consueto rapporto globale sulle richieste di dati da parte dei governi relative alla seconda metà del 2016. Sono aumentate del 9% rispetto alla prima parte dell’anno.

Basta leggere il primo rigo dell’articolo sulle FAKE NEWS per scoprire che quanto affermato nel titolo non coincide con quanto detto nell’articolo:

Tentativi di propaganda e manipolazione dell’informazione, apparentemente orchestrati da governi o soggetti organizzati, sfruttando le ‘fake news’ ma anche profili falsi che puntano a influenzare l’opinione pubblica.

Ormai la tecnica del clikbait è molto diffusa specialmente.

Clickbait (o clickbaiting, tradotto “Esca da click”) è un termine che indica un contenuto web il cui scopo è quello di attirare il maggior numero d’internauti, avendo come scopo principale quello di aumentare le visite a un sito per generare rendite pubblicitarie online.

Generalmente il clickbait si avvale di titoli accattivanti e sensazionalisti che incitano a cliccare link di carattere falso o truffaldino, facendo leva sull’aspetto emozionale di chi vi accede. Il suo obiettivo è quello di attirare chi apre questi link per incoraggiarli a condividerne il contenuto sui social network, aumentandone quindi in maniera esponenziale i proventi pubblicitari.

 

Precedente BUFALA Costa d’Amalfi , parte da Salerno per ammazzare l’amante della moglie ma nel traffico cambia idea Successivo BUFALA Roma. Uomo va a prostitute e trova la moglie. Rissa per gelosia frenata dai carabinieri.