Catena Umana il sito delle bufale che cavalcano il malessere sociale

Cattura

Catena Umana .it (recentemente diventato catenaumana.com) è un sito che pubblica bufale dai toni eclatanti di denuncia sociale, inventando notizie che puntano prevalentemente ad alimentare l’odio verso gli stranieri, gli immigrati e verso la classe politica avversa ai creatori del sito. Mente di questo portale bufalesco è Vincenzo Todaro, l’autore del famoso tweet sulle cooperanti italiane rapite e poi rilasciate che generò tante polemiche. Nel tweet Todaro denunciava una situazione scabrosa (completamente inventata da lui) che generò molte reazioni e coinvolse perfino il ministro Gasparri.:

“Greta e Vanessa, sesso consenziente con i guerriglieri? E noi paghiamo»

Il sito pubblica ogni giorno decine di articoli inventati, che hanno quasi sempre come “bersaglio” i politici del centro sinistra, gli immigrati, i profughi o i rom accusati o resi protagonisti di vicende frutto della fantasia degli autori. Il taglio delle bufale tradisce un ispirazione di destra a tratti “nostalgica” ed ha come palese obiettivo quello di cavalcare e fomentare il malcontento generale, cavalcando stereotipi e “fobie” varie.

La tecnica utilizzata da questo sito è spiegato dallo stesso fondatore Vicenzo Todaro, in questa intervista sulla Gazzetta di Parma dove spiega come nascono le notizie inventate sul suo sito:

Il “trucco” per attirare l’attenzione delle persone è cercare notizie valide e riscriverle dando il nostro taglio, fare un titolo d’effetto e cercare qualche immagine forte.

Che tradotto vuol dire: trovare un bersaglio facile (es. gli immigrati), inventarsi una storia verosimile che cavalchi i luoghi comuni (Es. “mentre l’italia è in crisi I politici si raddoppiano il vitalizio”) , scrivere un titolo che crei indignazione (Es. “immigrati in albergo a spese nostre e italiani buttati fuori dalle loro case”) e cercare su google un immagine shock (rubandola da un altro sito).

Ovviamente spesso queste bufale diffamano personaggi, enti o istituzioni e quindi il sito o le sue pagine facebook vengono periodicamente chiusi e riaperti con un altra estensione o da un altro amministratore, come lo stesso Todaro spiega:

La nostra pagina è stata chiusa più volte a causa delle segnalazioni degli utenti “nemici”, ma noi ne aprivamo altre. (…) e così ci troviamo con sei o sette Catena Umana. Io stesso ho 26 profili facebook».

Precedente Gazzetta della Sera, un "raccoglitore" di bufale Successivo LA BUFALA DELLA FOTO DEL PAPA E ROHANI DAVANTI AL QUADRO DI NUDI