Crea sito

Bufala 3 anni di Carcere per chi usa profili FALSI su facebook. UFFICIALE

bufala-copy

Carcere per chi usa profili FALSI su facebook? Vanno fatte delle precisazione. Questo dichiarato in questo link è una bufala diffusa dal sito IL FATTO QUOTIDAINO in questo articolo dove si legge:

Arriva direttamente dal parlamento europeo, la direttiva internazionale su social e immagine: secondo quanto espresso dal parlamento, con 56 votanti a favore, 34 contrari e 4 astenuti, dal prossimo gennaio, chi farà uso sui social di profili falsi rischia il carcere fino a tre anni.

Non esiste alcuna direttiva internazionale su social e immagine e questa votazione non ha mai avuto luogo

Il piano di regolamentazione dell’internet, rientra nel più vasto campo delle truffe e degli adescamenti di minori. Il deputato italiano Alvaro Porfido, che ha collaborato alla legge, ha detto: “Nel corso degli anni, i social hanno preso il sopravvento sul modo di comunicare fra le persone, hanno cambiato il modo di relazionarci, hanno insomma stravolto i tratti della comunità in cui viviamo. Ed è giusto che si prenda atto di questo cambiamento per regolarlo e usarlo a vantaggio di tutti. Solo nel 2015, le truffe sono state molto alte, per mezzo virtuale. In tutto il mondo se ne contano circa un milione, un numero altissimo. Ed è giunto il momento di intervenire”.

Alvaro Porfido non esiste, non è ne un deputato ne nessuna della altre sue mille professioni. Si tratta di un personaggio di fantasia utilizzato dal creatore delle bufale come protagonista delle sue storie (clicca qui per sapere di più a proposito di Alvaro Porfido).

Va detto però che il reato esiste e prevede il Carcere per chi usa profili FALSI su facebook.

In Italia esiste già una legge che punisce “la sostituzione di persona virtuale” ovvero lo spacciarsi per qualcun’altro su internet ed è l’articolo 494 del Codice Penale che recita cosi:

Carcere per chi usa profili FALSI su facebook

 

In molti si sono lamentati, come quelle persone che usano i fake per scherzare con altri o comunque non fare nulla di male. Ma anche su questo punto la commissione è molto chiara: “Secondo il cdp. 33, in combinato disposto con l’articolo 404 del cv, l’utilizzatore di fake che contatta un fruitore del web per mezzo chat o bacheca, sarà sanzionato con ammenda fino a 700 euro e detenzione fino a 3 anni”. Insomma, dal prossimo gennaio fate attenzione a usare i vostri profili fake, potreste finire molto male.