Crea sito

BUFALA: RENZI VENDE LA TOSCANA ALLA FRANCIA

RENZI VENDE LA TOSCANA

LA NOTIZIA FALSA DELLA “VENDITA” DELLA REGIONE TOSCANA ALLA FRANCIA SI AGGIUNGE ALLA LISTA DI BUFALE SIMILI.

Da mesi ormai circolano bufale relative a varie regioni italiane “regalate”, “cedute” o addirittura “vendute” dal presidente del consiglio Matteo Renzi ad altri stati dell’unione europea. Risale a qualche mese fa la bufala di Renzi che voleva “dare” alcune regioni italiane alla Germania per pagare il debito pubblico, mentre è un po più recente la bufala che vede il premier “vendere” la Sicilia e la Sardegna entro il 2018 e ora tocca alla Toscana.

Dovrebbe essere chiaro e noto a tutti che nessun presidente del consiglio ha il potere di “cedere”, vendere o regalare regioni del proprio paese. L’Italia è una repubblica democratica e non un impero dove il sovrano può cedere o regalare pezzi del proprio territorio a chi vuole.

Che fine farebbero poi i cittadini delle regioni in questione? Cambierebbero automaticamente nazionalità? Vivrebbero come cittadini stranieri in una specie di colonia? Questa bufala è talmente assurda che si fa fatica a credere tanta gente l’abbia condivisa sui propri profili facebook, ma ormai sappiamo bene che il popolo del web non si fa domande, ma crede a tutto quello a cui “vuol credere” ovvero qualunque titolo eclatante che gli permetta di gridare allo scandalo virtuale. Quindi tranquilli la Toscana non è in vendita e non lo sarà mai.

La bufala parte dalla notizia di una recente ridistribuzione delle acque territoriali italiane e francesi che prevede una ” una cessione reciproca di superficie marina del Mar Tirreno” (fonte Avvenire.it). Il tratto di mare interessato sarebbe quello “davanti alle coste toscane, all’isola di Capraia, mentre quelle acquistate si trovano davanti alle isole d’Elba e di Pianosa.”

Secondo l’assessore regionale della Toscana, Marco Remaschi lo scambio, non ancora ratificato, non sarebbe stato equo,in quanto “sembra penalizzare in maniera rilevante il settore della pesca professionale marittima”. A tal proposito l’assessore ha chiesto un chiarimento ufficiale al ministro degli Esteri Gentiloni, ma da qui a dichiarare che l’Italia sta vendendo le sue regioni c’è una bella differenza.

Come accade spesso con le bufale anche in questo caso il titolo non rispecchia il contenuto dell’articolo e come sappiamo la maggioranza degli utenti si limita leggere solo quello, senza approfondire. Come sempre l’invito è quello di usare il cervello ed il buon senso prima di premere immediatamente il tasto “condividi”.