Bufala La Rai offre 800.000 euro a Benigni per spiegare il codice della strada

800.000 euro a Benigni

800.000 euro a Benigni per spiegare il codice della strada. Ma solo una bufala.

Dopo la Divina Commedia e la Costituzione Italiana a Roberto Benigni sarebbe stato offerto di spiegare agli italiani niente meno che IL CODICE DELLA STRADA in questa bufala diffusa dal sito IL CORRIERE DEL CORSARO (clicca qui per saperne di più):

800.000 Euro a Benigni, è questa la somma che la Rai avrebbe offerto a Roberto Benigni per presentare in prima serata il Codice della Strada. Il premio oscar Italiano si cimenterà in un’originale e unica esibizione in stile
“Divina Commedia” dove spiegherà in diretta Nazionale a tutti gli Italiani come ci si comporta al volante e in che modo bisogna rispettare le normative del CDS.

Si tratta di una bufala che ironizza sugli speciali gia realizzati dall’attore sui canali Rai che hanno ottenuto degli ascolti altissimi, ma che hanno suscitato anche molte polemiche per i compensi pagati al premio oscar.

Ricordiamo che IL CORRIERE DEL CORSARO è un sito satirico e non una testata giornalistica, che pubblica articoli ironici su temi di attualità. Tutte le notizie presenti su questo sito quindi non sono altro che dei finti scoop realizzati con taglio satirico sui temi più disparati.

Scorrendo la home page del sito in basso a sinistra si può leggere questo DISCLAIMER:

Il Corriere del Corsaro è un portale di informazione satirico e irriverente nato dall’idea di Gian Marco Saolini, in arte “Il Corsaro”. Contro-informazione pura e indipendente, con lo scopo di far sorridere i propri lettori ironizzando, spesso anche in maniera dura e insolente, su fatti attuali e luoghi comuni del panorama mediatico mondiale

800.000 euro a Benigni

In conclusione quindi la Rai non ha mai offerto 800.000 euro a Benigni per spiegare una cosa cosi banale come IL CODICE DELLA STRADA, ma si tratta unicamente di una parodia realizzata per strappare un sorriso ai lettori.

 

Precedente La bufala della MAGNITUDO RIDOTTA A 5.9 per non pagare la ricostruzione Successivo IL CORRIERE DEL CORSARO - IL "PIRATA" DELLA SATIRA ON LINE