Crea sito

Bufala I Cinesi si comprano la Sardegna: cosa vogliono fare sull’ isola paradiso

Sardegna

I Cinesi si comprano la Sardegna, cosi titola questo link diffuso dal sito LIBERO QUOTIDIANO (sito che non ha nulla a che vedere con Libero.it), ma si tratta di una bufala sotto forma di clickbait.

Il titolo dell’articolo è chiaro: La cina ha acquistato una parte del territorio italiano eppure cliccando sul link il titolo si trasforma immediatamente in questo:

Le mani della Cina sulla sardegna: investimenti per due miliardi di euro

Si tratta di qualcosa di decisamente diverso da quanto dichiarato nel titolo che appare sul link, perché il titolo vero dell’articolo parla di investimenti in Sardegna e non di acquisto dell’isola:


Sardegna

L’articolo poi però si riduce a poche righe, queste:

Il presidente cinese Xi Jinping è in Sardegna. No, non in vacanza in uno dei favolosi resort a cinque stelle sparsi per l’isola. Ma per affari. Grossi affari. Sul tavolo, infatti, ci sono due miliardi di investimenti nel nostro Paese.

In Sardegna si parte con “diverse decine di milioni” che Pechino investirà nel centro di sviluppo del colosso dei telefonini Huawei che aprirà a pula, qualche decina di chilometri a ovest di Cagliari, nella parte meridionale dell’Isola.

Ma in Sardegna, i cinesi sono interessati anche al settore del cosiddetto “safety food”: da loro, infatti, va già fortissimo “Alimenta”, azienda sarda specializzata nella produzione di latte in polvere per l’infanzia. Sul tavolo c’è anche lo sbarco in Italia di Alibaba, il colosso degli acquisti online che è nel mondo già il primo concorrente di Amazon.

Si tratta ancora una volta della tecnica scorretta di clickbaiting che usa titoli eclatanti che non corrispondono al contenuto dell’articolo per indurre il lettore a cliccare sul link.

La Sardegna non è mai stata acquistata dai Cinesi, anche perché non è in vendita. Come per la bufala delle regioni vendute da Renzi anche in questo caso ricordiamo che non è possibile vendere o comprare pezzi di stati o intere regioni di nessuna nazione.