BUFALA – LE RIVELAZIONI DI UN MANIFESTANTE ITALIANO CON I GILET GIALLI IN FRANCIA

gilet gialli

Come se non bastassero le decine di fake news diffuse in rete su falsi partenti o su falsi operai, iniziano a proliferare anche le bufale diffuse da persone che si spacciano (da soli) per qualcun altro. E’ il caso di questo finto manifestante italiano con i gilet gialli, Carlo Cozzi, che per esibizionismo o chissà per quale altro motivo, ha diffuso in rete un video in cui invita gli italiani ribellarsi come hanno fatto i dimostranti francesi affermando che “qui in Francia” il governo è stato costretto ad ascoltarli.

gilet gialli

Attenzione, lo ripetiamo, si tratta di una messa in scena, il protagonista del video non si trova in Francia (ad un certo punto si tradisce e dice “qui in Italia”), non si trova ad una manifestazione dei gilet gialli.

L’uomo che parla in questo video è lo stesso che, in altro video virale, si è finto un pilota italiano che voleva denunciare un complotto  del governo per modificare il clima (un classico dei complottisti in rete).

 

E’ lo stesso uomo che, in altro video virale invece, si è finto un politico italiano per denunciare un complotto dell’Unione Europea contro l’Italia.

E’ lo stesso uomo che, in altro video virale invece, si è finto un cuoco che denunciava un fantomatico traffico di carne di cane (inesistente) in Svezia.

Serve continuare? Possiamo credere alle parole di quest’uomo che si inventa una identità diversa al giorno? Si tratta evidentemente di un troll che si diverte a fingersi ogni volta qualcuno per prendere in giro gli utenti che, come spesso abbiamo detto, si fanno sempre meno domande e credono a qualsiasi cosa gli faccia piacere credere.

Sempre di più ormai la condivisione compulsiva di bufale sta diventando una forma di esternazione del proprio pensiero, che trova conferma e si “materializza” nella notizia falsa di turno.

BUFALA – “Facevo parte della scorta di Saviano e mi sono dimesso”: la nuova bufala di Gian Marco Saolini

Precedente BUFALA - L'OPERAIO CHE ACCUSA PAPA' DI DI MAIO ERA CANDIDATO DEL PD